La meditazione modifica il cervello?

loading...

È vero che la pratica della meditazione modifica il cervello? Un team di ricercatori guidato dalla dottoressa Lazar, neurologo e insegnante presso la scuola medica di Harvard, ha scoperto che meditare per sole 8 settimane sembra alimentare la materia grigia nell’ippocampo e promuovere la “crescita” cerebrale.

Più nello specifico, la pratica della meditazione può innescare cambiamenti apprezzabili nelle regioni cerebrali associate alla memoria, all’auto-percezione, all’empatia e allo stress.

 

Per questo studio, 16 volontari hanno preso parte al corso di “Mindfulness” della dottoressa Lazar, che prevedeva che venissero scattate delle immagini di risonanza magnetica (RM) 2 settimane prima e dopo lo studio. Dopo sole 8 settimane di meditazione, i volontari hanno mostrato un ispessimento della materia grigia in diverse regioni importanti del cervello, incluso l’ippocampo sinistro, una piccola struttura a forma di ferro di cavallo nel cervello centrale che ha a che fare con memoria, apprendimento e regolazione emozionale.

 

Altre parti del cervello positivamente influenzate dopo sole 8 settimane di meditazione: corteccia cingolata posteriore – anch’essa importante per le emozioni e la memoria; la giunzione temporo-parietale, responsabile dello sviluppo dell’empatia; e il cervelletto, che aiuta a coordinare il movimento.

loading...

 

La principale autrice dello studio, Sara Lazar dell’MGH Psychiatric Neuroimaging Research Program, nonché insegnante di psicologia presso la Harvard Medical School, ha dichiarato:

loading...

 

“Sebbene la pratica della meditazione sia associata a un senso di pace e rilassatezza fisica, coloro che la praticano hanno sostenuto a lungo che la meditazione offre anche benefici cognitivi e psicologici che persistono nell’arco della giornata.

Questo studio dimostra che alcuni cambiamenti nella struttura cerebrale possono essere alla base di tali miglioramenti dichiarati, e che dunque le persone non si sentono meglio soltanto perché trascorrono del tempo rilassandosi.”

 

Britta Hölzel, prima autrice della ricerca, e ricercatrice presso l’MGH e la Giessen University in Germania, ha dichiarato:

 

“E’ affascinante notare la plasticità del cervello e come, attraverso la pratica della meditazione, possiamo giocare un ruolo attivo nel modificare il cervello e migliorare il nostro benessere e la qualità della nostra vita. Altri studi su diverse tipologie di pazienti hanno mostrato che la meditazione può apportare miglioramenti significativi ad una varietà di sintomi, e ora siamo impegnati a studiare i meccanismi nascosti nel cervello che possono facilitare questo cambiamento.”

 

Sembra che il corso di meditazione abbia spinto il cervello a formare delle connessioni più dense tra gli importanti centri che regolano il nostro comportamento e ci aiutano ad essere “svegli”.

 

Tutto ciò si traduce in ogni sorta di benefici possibili: dal gestire meglio lo stress sul lavoro e nella nostra vita, al prenderci le nostre responsabilità con più tranquillità. Certo, si può sempre avere paura per gli esami di fine anno, o impazzire nel tentativo di rispettare i tempi di una consegna sul lavoro, ma forse un po’ di pratica meditativa nella vita di tutti i giorni può essere d’aiuto.

In questo video di Ted Talk la Dottoressa Lazar spiega come la meditazione può modificare le strutture cerebrali.

loading...

 

 

 

loading...

Scrivi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *