Come non lasciarsi ferire

loading...

Per la felicità esiste un’antica e segreta ricetta, che le persone più serene ed equilibrate conoscono da sempre.  Raramente ne parlano, ma la utilizzano continuamente, ed è importantissima per mantenere un buon equilibrio mentale. Questa ricetta segreta si chiama La Nobile Arte di Non Lasciarsi Ferire.

Per padroneggiare veramente questa arte, bisogna essere in grado di vedere ogni comportamento, ogni azione e reazione degli altri esseri umani, non come un qualcosa che riguarda noi, ma piuttosto come il risultato della somma delle loro esperienze di vita fino a quel momento.

In parole semplici, la maggior parte delle persone fa quello che fa come risultato del proprio bagaglio di paure, conclusioni affrettate, difese e in generale…tentativi di sopravvivere. Molte di queste cose, anche quando rivolte direttamente a noi, non hanno nulla a che fare con noi. Solitamente, hanno molto più a che fare con tutte le altre volte  -e in particolare le prime volte- in cui l’altra persona ha vissuto una situazione simile, solitamente da piccola.

Già, si tratta di psicodinamica. Un individuo che desidera vivere serenamente, ha bisogno di capire che la psicologia è tanto spirituale quanto la preghiera. Infatti, la parola psicologia significa letteralmente “studio dell’anima”.

loading...

Ciò premesso, non esiste quasi nulla di personale. Persino con le persone a noi più care, i nostri amati partner, i nostri figli e i nostri amici. Stiamo tutti nuotando nelle proiezioni e nei filtri delle esperienze altrui, e spesso sulla scacchiera della vita non siamo altro che pedoni a cui i nostri cari applicano le proprie reazioni. Non è per de-umanizzare la vita o per togliere la poesia alle nostre relazioni, ma principalmente per essere consapevoli del fatto che quando veniamo feriti, quasi sempre siamo caduti in un malinteso.

La concretizzazione di questa idea ci consente di avere in realtà più initimità e meno sofferenza in tutte le nostre relazioni. Quando riconosciamo di non essere altro che la pesona giusta al momento psicodinamico giusto per innescare le parole o le azioni nell’altra persona, allora riusciamo a capire che non dobbiamo prendere le azioni altrui in modo personale. Se non fossimo noi le “vittime” di una situazione particolare, con ogni probabilità lo sarebbe qualcun altro.

Questa maniera di pensare ci consente di essere più distaccati nei confronti delle reazioni delle persone intorno a noi. Quanto spesso ci capita di sentirci feriti in reazione alle parole altrui, piuttosto che capire che anche l’altra persona può essere in realtà sofferente?

loading...

Infatti, ogni volta che ci sentiamo feriti, abbiamo a disposizione una reale opportunità per mostrare gentilezza nei confronti di una persona sofferente, persino quando non sembra tale in apparenza. La rabbia, l’emotività, la durezza, la critica, in realtà non sono altro che forme di sofferenza, ed espressione di un malessere interiore dell’altro. Quando non cediamo a tali emozioni negative, qualcosa cambia nel nostro mondo.

Le persone che soffrono interiormente, senza mostrarlo all’esterno, solitamente non vogliono che gli altri rendano loro manifesta la cosa. Non dobbiamo essere i terapisti dei nostri cari. Dobbiamo solo capire la situazione, e andare avanti. Nella peggiore delle ipotesi, possiamo sperimentare meno dolore per noi stessi, e nella migliore abbiamo un’occasione per rendere il mondo un posto migliore.

Non bisogna però confondere tutto ciò con il permettere a noi stessi di essere feriti, negletti o sfruttati. La vera compassione non ci permette di farci del male. Ma quando sappiamo che non c’è nulla di personale, ecco che accade la magia e capiamo meglio come non lasciarsi ferire. Molti di coloro che abusano di noi iniziano a lasciare le nostre vite. Una volta che ne siamo consapevoli, il cosiddetto abuso può avvenire soltanto se crediamo alle parole altrui. Ma sapendo che nulla è personale, non finiamo col sentirci abusati.

Ad esempio, come reazione ad una critica poco costruttiva, possiamo dire qualcosa come “Grazie per avermelo detto”, e andare avanti. Non siamo vincolati alle parole o alle azioni altrui, poiché sappiamo che non ci riguardano. Se riconosciamo che il nostro valore intrinseco non è determinato da ciò che gli altri dicono, fanno o credono, possiamo prendere il mondo (ed il nostro ego) un po’ meno sul serio. E, se necessario, possiamo semplicemente allontanarci, senza tirarci addosso ulteriori sofferenze e senza dover convincere l’altra persona che siamo individui buoni e meritevoli.

loading...

La grande sfida di noi tutti è di riuscir a vivere una vita di soddisfazione, indipendentemente da ciò che le altre persone dicono, fanno, pensano o credono. La nobile arte del non lasciarsi ferire è una delle molte abilità richieste per diventare più sereni. Può volerci una vita intera di pratica, ma si tratta davvero di uno dei segreti meglio conservati per vivere una vita felice.

 

 

loading...

Scrivi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *