Come le Idee Nuove Cambiano le Strutture Cerebrali

Uno studio recente ha individuato un importante cambiamento a livello cellulare che ha luogo quando ci troviamo nel processo di imparare e ricordare  (Brigidi et al., 2014).

L’apprendimento fa cambiare nel cervello il modo in cui un acido grasso si lega ad una proteina chiamata delta-catenina. Questo cambiamento è essenziale per regolare la connessione tra le cellule cerebrali, cosa che ci permette di imparare. Uno degli autori dello studio, Shernaz Bamji, ha spiegato:

“C’è ancora molto lavoro da fare, ma questa scoperta ci consente una maggiore comprensione degli strumenti usati dal nostro cervello per imparare e ricordare, e ci permette delle intuizioni su come questi processi vengano interrotti nelle patologie neurologiche”.

I risultati sono frutto di uno studio condotto su un modello animale.

Gli scienziati hanno scoperto che dopo l’apprendimento di nuove situazioni, i livelli di delta-catenina modificata erano quasi raddoppiati. In precedenza era già stato identificato il ruolo decisivo della delta-catenina nella memoria, ma questo è il primo studio che ne mostra il meccanismo molecolare al lavoro.

Stefano Brigidi, autore principale della ricerca, ha dichiarato:

“L’attività cerebrale può cambiare sia la struttura di questa proteina, sia la sua funzione. Quando introduciamo una proteina che blocca la modificazione biochimica che avviene nei soggetti sani, aboliamo i cambiamenti strutturali delle cellule cerebrali di cui è nota l’importanza nella formazione della memoria”.

Questi risultati possono anche fare luce sul perché le persone con disabilità mentali abbiano difficoltà ad imparare.

Ad esempio, le persone affette da un raro disordine genetico chiamato sindrome del Grido di Gatto (o Cri-du-chat, il cui nome deriva dal particolare suono dei vagiti, simili a miagolii, emessi dai neonati che ne sono interessati) presentano una delezione genetica che disturba la delta-catenina.

Sono stati rilevati anche dei collegamenti tra la delta-catenina e i severi disturbi mentali della schizofrenia.