5 abitudini che possono avvelenare qualsiasi relazione

loading...

Pur desiderando avere una relazione o dei matrimoni felici e armoniosi, molti di noi sottopongono inavvertitamente le proprie relazioni a dello stress inutile.

Al contrario di altri modi di agire più conosciuti, come ad esempio il comportamento violento, le bugie o l’infedeltà, il problema maggiore con questi comportamenti distruttivi è che sono così insidiosi e subdoli che quando i loro effetti negativi vengono riconosciuti, il danno è già stato fatto.

loading...

Ipiù comuni sono:

loading...
  1. Se volete sottoporre il vostro rapporto a una vera e propria tortura, lamentarsi spesso farà al caso vostro. Anche quando le lamentele non sono dirette al vostro partner, possono comunque fare danno perché anche solo sentire continuamente commenti negativi è in grado di abbattere le persone. L’ovvio antidoto per il veleno della lamentela è di calmarvi o di fare commenti positivi.
  2. Criticare. Un’altra abitudine corrosiva diffusa è quella di criticare spesso il loro partner. Anche questo è un modo infallibile per spingere un legame intimo al punto di rottura. Piuttosto che fare delle critiche, cercate di sviluppare l’abitudine di fare commenti positivi per gli atteggiamneti che più apprezzate.
  3. E’ affascinante vedere quanto frequentemente i partner si contraddicano tra loro, anche quando la differenza tra un’affermazione e l’altra è irrilevante o non aggiunge alcun valore alla conversazione. E’ davvero importante  sottolineare che avete lasciato la festa alle 22.30 anziché alle 23.00? O che lo spettacolo che avete visto era in un teatro piuttosto che in un altro? Se dovete offrire una versione diversa, fatelo in privato e difenderete la vostra relazione dagli effetti sgradevoli di un contraddittorio non necessario.
  4. Controllare. Dopo gli abusi, la disonestà e l’ infedeltà, cercare di controllare il proprio partner è una delle azioni più dannose che una persona può commettere nell’ambito una relazione intima. Anche se abbiamo buone intenzioni, quando diciamo al nostro partner cosa fare o cosa non fare, non ci stiamo ponendo su un piano di parità o di mutuo rispetto nei suoi confronti, ma gli stiamo letteralmente togliendo potere di decisione. La cura è semplice: lavorate sull’accettazione.
  5. L’ultima tendenza dannosa che vorrei menzionare è dire spesso “No” al posto di “Sì.” Se il vostro partner fa una richiesta o vi chiede qualcosa che lui o lei desidera, una risposta sensibile potrebbe essere “sì, certo, d’accordo”. Se vi si chiede di fare qualcosa di irragionevole, potete sempre contrattare. Ma se la vostra risposta abituale ad ogni richiesta è “No” o “forse”, cercate di essere più attenti alle attenzioni del partner almeno e coglierete i frutti di una relazione più sana e amorevole.

 

 

 

loading...
loading...
Tags: